Nanneke Schaap‎ > ‎

CV (Italiano)

Nanneke Schaap si diploma al Conservatorio Reale dell’ Aia come solista di viola da gamba a pieni voti con il M° Wieland Kuijken nel 1980. Nel corso degli studi ha avuto tra i suoi docenti maestri del calibro di Frans Bruggen, Anner Bijlsma, Sigiswald e Bart Kuijken e Lucy van Dael.

In seguito si trasferisce in Italia dove inizia una intensa attività concertistica e insegna viola da gamba e musica d’insieme tra l’altro a Roma, Genova, Venezia e Fiesole.

Come violista da gamba ha collaborato con i gruppi La Chapelle Royal, Ensemble Jannequin, Ensemble Organum, Les Arts Florissants, Cappella Ducale Venezia ed altri.

Nel 1986 ha fondato il gruppo vocale e strumentale “Ensemble Barocco” con il quale, nella veste di direttore ha tenuto numerosi concerti proponendo importanti opere dei più grandi compositori: Cantate Barocche, La Passione S. Giovanni e S. Matteo di Bach, Oratori di Händel e tante composizioni di Palestrina, Monteverdi e Caldara.

Come solista di viola da gamba ha collaborato in produzioni del Teatro dell’Opera di Roma, del Teatro alla Scala di Milano, con il Teatro Lirico di Cagliari, Il Concertgebouw Kamer Orkest di Amsterdam, ecc. sotto la guida di direttori come Frans Bruggen, Peter Schreier e Gabriele Ferro. Suoi partner in recital solistici sono stati Christophe Rousset, Ottavio Dantone, Alan Curtis, Sergio Ciomei. Suona in duo con Vincenzo Caglioti da tanti anni.

Ha tenuto numerosi corsi estivi di viola da gamba e musica d’insieme (Consort, Polifonia e Basso continuo con voci ed altri strumenti) a Urbino, Mantova, Saluzzo, Cagliari, Arras, Londra, Utrecht ecc.

Dal 1993 lavora come docente di viola da gamba nei Conservatori di Verona e Parma; attualmente è titolare della cattedra di viola da gamba presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano.

Accanto a tante registrazioni in formazioni di musica da camera, da sottolineare l’incisione del cd con musiche di F. e R. Rognoni, uscito per l’etichetta Symphonia, che è stato insignito di numerosi riconoscimenti dalla critica internazionale.

Comments